Pressione terrestre contro Palancola

Sono state condotte ricerche sperimentali sostanziali e misurazioni sul campo riguardanti le pressioni attive, passive e indotte dalla compattazione che si sviluppano contro i muri di sostegno rigidi. Al contrario, relativamente pochi studi sperimentali e misurazioni sul campo sono stati condotti per pressioni di terra che agiscono su palancole, specialmente in terreni morbidi. La palificazione è il tipo più comune di sistemi di ritenuta di terra flessibili utilizzati come strutture sul lungomare. In contrasto con la costruzione di altri tipi di muri di sostegno, la costruzione di pareti in palancole di solito non richiede la disidratazione del sito. Le palancole sono ideali per i siti con falde acquifere molto alte o terreni a bassa capacità portante. Molti autori hanno sviluppato soluzioni teoriche per la costruzione di palancole a sbalzo o di palancole ancorate o puntellate. Il metodo convenzionale per analizzare la palancole a sbalzo in terreni di fondazione omogenei si basa sull’assunzione (Clayton e Milititsky, 1983) che la palificazione ruoti attorno a qualche punto di rotazione, causando lo sviluppo di stress di stato attivo nella parte posteriore della parete sopra il punto di rotazione e davanti al muro sotto il punto di rotazione come mostrato in figura 2.49. Il muro deriva la sua stabilità dalle pressioni passive che si sviluppano davanti al muro sopra il punto di rotazione e nella parte posteriore del muro sotto il punto di rotazione.

Solo un numero limitato di studi di ricerca è stato condotto per esaminare le attuali procedure di progettazione di palancole tramite misure sul campo. La seguente sezione presenta studi che hanno condotto misurazioni sul campo monitorando le pressioni di terra attive contro il lato di supporto di una parete di palancole impoverita in scavi in ​​terreni coesivi.

Finno (1989) ha misurato la pressione dell’acqua interstiziale, la deformazione della palancola e i carichi dei montanti in uno scavo rinforzato con una profondità di 40 piedi in argille soffici e saturi a Chicago. Finno ha osservato che l’eccesso di pressione dei pori relativamente alto si è sviluppato durante l’installazione della palancola e il caricamento del montante; ma queste pressioni iniziali dei pori si sono dissipate rapidamente come mostrato nella figura 2.51. 18 Le pressioni dei pori dovute allo scarico degli scavi erano piuttosto ridotte. Alla fine della costruzione è stato osservato un piccolo cambiamento netto nella pressione dei pori. I carichi massimi misurati in ciascun montante erano approssimativamente uguali alle grandezze specificate dall’involucro di pressione di terra del progetto.

Kort e Van Tol (1999) hanno condotto un test sul campo su due lastre di palancole in argilla morbida con un sottile strato di torba (a Pernis, vicino a Rotterdam) per modellare lo scavo rinforzato. Sono stati misurati la pressione sulla terra e la pressione dell’acqua sul lato trattenuto e sul lato scavato. La distribuzione della pressione della terra in otto punti sul lato trattenuto e quattro punti sul lato scavato non ha mostrato cambiamenti significativi durante le varie fasi di scavo. Kort et al. (2000) ha sottolineato che il cambiamento della pressione totale era dovuto al cambiamento della pressione dell’acqua. Kort (2002) ha indicato che l’aumento di displac laterale

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>